venerdì 3 ottobre 2014

Bug shell "Bash" Linux

Poiché dai nostri utenti ci arrivano diverse richieste di informazioni e rassicurazioni in merito a "shellshock" (svariati bug della shell Linux "Bash"), comunichiamo quanto segue:

Tutti i nostri server di hosting shared Linux sono già stati messi in sicurezza non appena le relative patch di sicurezza si sono rese disponibili; attualmente, nessuno dei nostri server di hosting shared (Hosting Basic Illimitato, Hosting Fracto, Hosting WordPress) è affetto da tali vulnerabilità (CVE-2014-6271 / CVE-2014-7169 / CVE-2014-7186 / CVE-2014-7187)

Tutte le VPS Cronus attivate a partire dal 28 settembre sono da ritenersi già sicure e non affette da tale vulnerabilità;
Gli utenti di VPS Cronus Linux e di server dedicati Linux attivati prima del 28 settembre sono invitati ad adottare tutte le misure necessarie a mettere in sicurezza le loro macchine; nel caso, è possibile richiedere il supporto del nostro personale aprendo uno specifico ticket di assistenza.

Questa serie di bug riguarda solo ed esclusivamente server Linux: i server basati su Windows non sono affetti, e quindi nessuna operazione a questo riguardo è necessaria