giovedì 16 ottobre 2014

Nuovi regolamenti per la registrazione di domini .it

Il prossimo 3 novembre entreranno in vigore nuovi Regolamenti e nuove linee-guida promulgati dal nic.it.

Le novità principali che riguardano chi registrati un dominio .it sono le seguenti:

modifica della durata del periodo di pendingTransfer; 

nel caso di trasferimento di un dominio .it su altro Registrar, il periodo di pendingTranfer viene ridotto ad un giorno solare (attualmente questo periodo è di tre giorni solari).
Ricordiamo che il periodo di pendingTransfer è il periodo durante il quale il “vecchio” Registrar ("losing Registrar) può porre il veto al trasferimento nel caso di un provvedimento da parte dell'Autorità Giudiziaria.
Decorso il periodo di pendingTransfer, il trasferimento è automaticamente approvato da parte del nic.it

rimozione del vincolo temporale di 30 giorni legato allo stato inactive/dnsHold;

Questo stato - conseguente ad una mancata o erronea configurazione dei server DNS all'atto della richiesta di registrazione di un dominio - comportava fino ad oggi la cancellazione d'ufficio del dominio, una volta decorso il periodo di 30 giorni senza che il Registrante avesse provveduto a correggere l'errore sui server DNS.
Questo vincolo è stato adesso eliminato, e il dominio può rimanere nello stato inactive/dnsHold per un periodo indefinito, durante il quale  il dominio risulterà registrato ma non attivo, e sarà comunque possibile effettuare qualsiasi altra operazione (es. modifica del Registrante).

eliminazione dei campi name e contactID dalla vista Whois;

Nei dati pubblicati dal servizio whois del nic.it non saranno più riportati il nome ed il codice contactID.

DomainRegister.it è già pronto alla gestione di queste modifiche, e dal prossimo 3 novembre tutte le operazioni effettuate dall'utente sul nostro pannello di controllo verranno svolte in conformità ai nuovi regolamenti.
Queste modifiche riguardano esclusivamente i domini .it!

Il testo integrale dei nuovi regolamenti è disponibile sul sito del nic.it:
Regolamento di assegnazione e gestione dei nomi a dominio nel ccTLD .it v.7.1
Regolamento risoluzione delle dispute v.2.1
Linee Guida tecniche v.2.1
Linee Guida legali v.3.1


venerdì 3 ottobre 2014

Bug shell "Bash" Linux

Poiché dai nostri utenti ci arrivano diverse richieste di informazioni e rassicurazioni in merito a "shellshock" (svariati bug della shell Linux "Bash"), comunichiamo quanto segue:

Tutti i nostri server di hosting shared Linux sono già stati messi in sicurezza non appena le relative patch di sicurezza si sono rese disponibili; attualmente, nessuno dei nostri server di hosting shared (Hosting Basic Illimitato, Hosting Fracto, Hosting WordPress) è affetto da tali vulnerabilità (CVE-2014-6271 / CVE-2014-7169 / CVE-2014-7186 / CVE-2014-7187)

Tutte le VPS Cronus attivate a partire dal 28 settembre sono da ritenersi già sicure e non affette da tale vulnerabilità;
Gli utenti di VPS Cronus Linux e di server dedicati Linux attivati prima del 28 settembre sono invitati ad adottare tutte le misure necessarie a mettere in sicurezza le loro macchine; nel caso, è possibile richiedere il supporto del nostro personale aprendo uno specifico ticket di assistenza.

Questa serie di bug riguarda solo ed esclusivamente server Linux: i server basati su Windows non sono affetti, e quindi nessuna operazione a questo riguardo è necessaria

giovedì 2 ottobre 2014

E' adesso attivo il pagamento con Bitcoin!


Abbiamo attivato sperimentalmente la possibilità di pagamento tramite Bitcoin, la criptovaluta sempre più popolare e diffusa sul web.

L'avvio è sperimentale, non tanto perché l'uso di Bitcoin presenti particolari criticità (anzi, si tratta di uno strumento più sicuro di molti altri metodi di pagamento molto più diffusi), quanto perché la ancora scarsa diffusione in Italia e la conseguente scarsa familiarità degli utenti con la stessa, ci impone particolare attenzione nell'uso, ed anche per permetterci di "limare" le procedure in modo da renderle il più semplici possibili.

Per ricevere i pagamenti in Bitcoin ci avvaliamo dei servizi di Coinbase, una delle aziende leader a livello mondiale per la gestione di transazioni Bitcoin di tipo "merchant".

Gli utenti che desiderino effettuare il pagamento dei servizi di DomainRegister.it in Bitcoin possono adesso farlo sia attraverso il proprio account Coinbase (se ne possiedono uno), sia utilizzando un qualsiasi "wallet", sia on-line che off-line.

Al momento sono doverose alcune avvertenze:

  • il pagamento con Bitcoin è attualmente gestito solo per “ricariche di credito”, utilizzabili poi per l’acquisto di qualsiasi servizio su panel.newmedialabs.it, ed è possibile unicamente dalla pagina http://domainregister.it/informazioni/pagamenti/pagamenti-con-bitcoin/
  • Al termine della fase sperimentale, verrà implementato direttamente all’interno del pannello di controllo, al pari delle altre modalità di pagamento tradizionali (carta di credito, paypal, bonifico)
  • Per effettuare un pagamento con Bitcoin, è indispensabile possedere un account sul nostro pannello di controllo. Se non lo possedete, registratevi: è gratuito.
  • Per ogni pagamento effettuato con Bitcoin verrà poi emessa regolare fattura, secondo le modalità usuali.
  • Anche i pagamenti effettuati con Bitcoin sono assoggettati regolarmente ad IVA 22%: tenetene conto al momento di indicare l’importo della ricarica! (esempio: se volete effettuare una ricarica da € 10 + IVA, dovete indicare l’importo lordo di € 12,20)
  • L’importo della ricarica, indicato dall’utente in Euro, verrà convertito in Bitcoin al tasso di cambio corrente al momento dell’ordine, così come indicato sul sito Coinbase.com
  • IMPORTANTE: al momento di effettuare il pagamento, specificate correttamente il medesimo indirizzo email utilizzato per la registrazione su panel.newmedialabs.it!
    L’indirizzo email indicato al momento del pagamento è utilizzato per individuare l’account a cui verrà effettuata la ricarica.

Essendo la procedura ancora sperimentale, ogni transazione è sottoposta ad una verifica manuale. Quindi, ogni pagamento effettuato con Bitcoin verrà accreditato approssimativamente entro il giorno lavorativo successivo all’operazione.
Tenete quindi conto del tempo necessario e, per ordini urgenti (relativi, per esempio, a domini di prossima scadenza) si consiglia di utilizzare per il momento altre forme di pagamento più celeri (carta di credito, PayPal)
 

6/10/2014 - manutenzione impianti farm

Nella notte fra lunedì 6/10 e martedì 7/10 sono previste delle operazioni di manutenzione straordinaria ad alcuni impianti elettrici della farm che ospita i nostri servizi.

Potrà rendersi necessario il riavvio, secondo necessità, di vari server ed apparecchi di infrastruttura, con conseguenti temporanei down.

Nostro personale sarà presente in farm per gestire eventuali emergenze.