venerdì 16 gennaio 2015

Prossimo un significativo aumento dei canoni di registrazione domini?


Con poche eccezioni (costituite per lo più dai ccTLD europei. .it, .de, .eu, .fr ecc.) il mercato della registrazione domini è legato a filo doppio al dollaro statunitense.

Valuta che, nel corso degli ultimi mesi, ci ha riservato non poche sgradite sorprese:

cambio Euro/dollaro nel corso degli ultimi 12 mesi (fonte: Yahoo Finanza)

Fino adesso abbiamo assorbito questi aumenti, lasciando inalterato il canone di registrazione ai nostri clienti.
Tuttavia, in caso di ulteriori passi avanti del dollaro nei confronti dell'Euro, un adeguamento del listino sarà inevitabile.

Non possiamo quindi che consigliare di procedere al rinnovo dei propri domini prima dell'eventuale adeguamento: e ciò soprattutto a riguardo dei gTLD (.com, .net., .org, .info, .biz), valutando anche l'opportunità di un rinnovo pluriennale.

Ricordiamo infatti che per i gTLD è possibile il rinnovo per più anni (fino ad un massimo di 10).
Ciò permette il rinnovo ad un prezzo più conveniente,(indipendentemente dal contingente aumento del dollaro, il canone di registrazione dei gTLD è in costante aumento da alcuni anni); ma mette al sicuro anche da possibile dimenticanze sulla scadenza, evitando i conseguenti disservizi.